PRIMO PIANO
lunedì 24 Agosto 2020
Negli ultimi vent’anni 166 miliardi di tasse in più
Se nel 2000 l’Erario e gli enti locali avevano incassato 350,5 miliardi di euro, nel 2019, il gettito, a prezzi correnti, è salito a 516,5 miliardi. In termini percentuali, la crescita in questo ventennio è stata del 47,4%, 3,5 punti in più rispetto all’aumento registrato sempre nello stesso periodo dal Pil nazionale

«Qualcuno può affermare con certezza che, grazie a 166 miliardi di tasse in più, versati in questi ultimi vent’anni, la macchina pubblica è migliorata?», si chiede il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo. «In altre parole, la giustizia, la sicurezza, i trasporti (in particolar modo quelli a livello locale), le infrastrutture, la sanità e l’istruzione sono oggi più efficienti di allora? Oppure famiglie e imprese sono state obbligate a pagare di più e hanno ricevuto dallo Stato sempre meno? Non abbiamo dubbi: tra le due ipotesi ci sentiamo di avvalorare quest’ultima, anche perché questo maxi prelievo ha impoverito il Paese, provocando, assieme alle crisi maturate in questo ventennio, una crescita dell’Italia pari a zero, che nessun altro Paese del resto d’Europa ha registrato».

I vantaggi sono andati soprattutto all’Erario rispetto agli enti locali

«Nell’immaginario collettivo», afferma il segretario della Cgia, Renato Mason, «si è diffusa l’idea che, in questi ultimi anni, governatori e sindaci sarebbero diventati, loro malgrado, dei nuovi gabellieri, mentre lo Stato centrale avrebbe alleggerito la pressione fiscale nei confronti dei contribuenti. In realtà le cose sono andate diversamente. Se è vero che negli ultimi vent’anni le tasse locali sono aumentate del 37,1%, quelle incassate dall’amministrazione centrale sono cresciute del 49,3%. In termini assoluti, dalle Regioni e dagli enti locali abbiamo subito un aggravio fiscale di 20,3 miliardi, mentre il peso del fisco nazionale è salito di 145,7 miliardi. In altre parole, se dal 2000 le imposte locali hanno cominciato a correre, quelle erariali sono esplose, con il risultato che i contribuenti italiani sono stati costretti a pagare sempre di più».

L’autonomia differenziata come soluzione per ridurre i costi

In attesa che il Governo presenti la riforma fiscale, che consenta una drastica riduzione della pressione tributaria, i dati appena descritti consentono all’Ufficio studi della Cgia di fare una riflessione anche sul tema dell’autonomia differenziata. «In questi ultimi anni», continua Zabeo, «il tema dell’autonomia differenziata è stato vissuto come una contrapposizione  tra Nord e Sud del Paese, quando invece è una partita che si gioca tra il centro e la periferia dello Stato: tra chi vuole un’amministrazione pubblica che funzioni meglio e costi meno e chi difende lo status quo, perché trasferendo funzioni e competenze  ha paura di perdere potere e legittimità. E per conservare posizioni che non sono più difendibili, i proponenti di questa riforma sono stati accusati di voler impoverire ulteriormente le realtà territoriali più in difficoltà del Paese».

 

 

 

 

Redazione Mondo Business
Potrebbe interessarti anche:

33 miliardi di tasse in più rispetto alla media europea

L'ufficio studi della CGIA di Mestre avverte che l'unica vera soluzione per abbassare le tasse è tagliare la spesa improduttiva [Leggi tutto]

Con l’autonomia più libertà per i cittadini e le imprese

Carlo Malvezzi, capogruppo di Fi in Consiglio comunale a Cremona, teme le resistenze del nascente governo giallorosso e del “deep state” statalista [Leggi tutto]

Il fisco italiano impedisce alle imprese di crescere

Federico Biondini, broker immobiliare, specializzato nel settore industriale/logistica e titolare della M.I.I. – Mediazioni Immobili Industriali, indica possibili soluzioni alla crisi economica nella detrazione totale… [Leggi tutto]

La riforma del fisco è vitale per le imprese

L'on. Silvana Comaroli, della Lega, ci presenta le ricette del suo partito per garantire la ripartenza al Paese: «Bisogna liberare le imprese dagli ostacoli burocratici… [Leggi tutto]

Per le imprese la priorità è ridurre il carico fiscale

Primo tavolo di confronto a Palazzo Chigi tra il Governo e le parti sociali in vista della manovra d'autunno [Leggi tutto]

Ridurre le tasse per far ripartire l’economia

Nel dibattito organizzato a Cremona dal Pd, con il vice ministro all’Economia, Antonio Misiani, il deputato Dem, Luciano Pizzetti, e l’economista Carlo Cottarelli, si è… [Leggi tutto]

Tasse: il gettito più elevato è in Lombardia

Per invertire la rotta l'Ufficio studi della CGIA di Mestre difende l'autonomia delle Regioni e avverte sui rischi dell'esercizio provvisorio [Leggi tutto]

RICHIEDI
LA TUA COPIA
GRATUITA
RICEVILA ADESSO