PRIMO PIANO
mercoledì 2 Dicembre 2020
La seconda ondata interrompe la ripresa della produzione industriale
La produzione industriale italiana, dopo il recupero rilevato in ottobre (+1,2%), torna a diminuire in novembre (-2,3%) a causa della contrazione della domanda, dovuta alle misure di contenimento introdotte in Italia e dai principali partner commerciali

Il centro studi di Confindustria rileva un nuovo rallentamento della produzione industriale italiana, oltre a prospettive negative per il quarto trimestre, come si evince dall’andamento della fiducia tra gli imprenditori manifatturieri e tra le famiglie, che è in netto peggioramento, specialmente nelle componenti relative alla situazione corrente e alle attese sul contesto economico nei prossimi mesi.

Il Pil nel quarto trimestre torna in territorio negativo

Al netto del diverso numero di giorni lavorativi, l’attività industriale risulta in calo in entrambi i mesi della rilevazione: -5,8% in novembre e -2% in ottobre. Gli ordini in volume diminuiscono in novembre del 3,3% sul mese precedente (-4,8% sui dodici mesi) e in ottobre dell’1,3% su settembre (-1,4% annuo). La dinamica della produzione industriale rilevata in ottobre e novembre riporta in territorio negativo la variazione congiunturale acquisita nel quarto trimestre (-1,9%), dopo il +28,6% rilevato dall’Istat nel terzo (-16,9% nel secondo). Secondo le indagini qualitative (Istat e PMI), i comparti di produzione di beni durevoli e di beni strumentali sono quelli che hanno risentito maggiormente dell’attuale contesto.

Si segnalano interruzioni lungo la catena di fornitura

Sull’andamento dell’attività nei due mesi di rilevazione hanno inciso negativamente il decumulo delle scorte (per soddisfare ordini pregressi), un calo della domanda interna e difficoltà nel reperire nuovi ordini esteri, a causa delle restrizioni introdotte presso i partner commerciali. Secondo quanto emerso dall’indagine sul PMI manifatturiero, si è avuto un repentino aumento dei tempi medi di consegna, un indicatore che in condizioni “normali” segnala un forte incremento della domanda non tempestivamente soddisfatto dall’offerta, ma che nella situazione attuale dipende invece – stando a quanto dichiarato dagli imprenditori – da interruzioni lungo la catena di fornitura, a causa delle più rigide misure anti Covid-19, che hanno determinato ritardi nei trasporti e problemi di natura logistica. Ciò tende a frenare l’attività nei prossimi mesi, come peraltro segnalato nell’indagine Istat.

In calo la fiducia delle imprese e delle famiglie

Si è infatti rilevato un netto ridimensionamento delle attese degli imprenditori manifatturieri su ordini, produzione e, soprattutto, sulle prospettive dell’economia italiana (il saldo è diminuito di 23 punti solo a novembre). Stesse preoccupazioni sono emerse anche dall’indagine Istat sulla fiducia delle famiglie, tra le quali sono fortemente peggiorate le aspettative sulla situazione economica dell’Italia; sui bilanci familiari e sulla disoccupazione; mentre sono migliorate le valutazioni sull’opportunità attuale e futura di risparmio. Una lettura integrata di questi indicatori congiunturali evidenzia, per il trimestre in corso, un nuovo aumento del risparmio a scopo precauzionale (guidato anche dall’incertezza sull’evoluzione dell’emergenza sanitaria) e un rinvio delle decisioni di investimento delle imprese, dopo il forte incremento nei mesi estivi (+12,4% la spesa delle famiglie e +31,3% gli investimenti fissi lordi).

Redazione Mondo Business
RICHIEDI
LA TUA COPIA
GRATUITA
RICEVILA ADESSO