PRIMO PIANO
venerdì 29 Gennaio 2021
Il vaccino è una priorità per la salute pubblica ma anche per l’economia
Confesercenti stima che ogni mese di ritardo nella campagna vaccinale determini 4,7 miliardi di euro di mancato recupero dei consumi e una corrispondente perdita di Pil dello 0,3%. Un ulteriore costo reale che l’economia italiana non può evidentemente permettersi

«Il vaccino è una priorità per la salute pubblica ma anche per l’economia. La ripresa dipende fortemente dai risultati che si riusciranno ad ottenere con la campagna di vaccinazione. Soltanto un pieno conseguimento degli obiettivi annunciati potrà infatti restituire alle famiglie la fiducia necessaria per riportare i consumi ai livelli pre-pandemici». Così Confesercenti in una nota. «Possiamo stimare che ogni mese di ritardo nella campagna vaccinale determini 4,7 miliardi di euro mancato recupero dei consumi e una corrispondente perdita di Pil dello 0,3%. Un ulteriore costo reale che l’economia italiana non può evidentemente permettersi».

Particolarmente drammatiche le conseguenze per alcuni comparti

 «Occorre considerare che l’arretramento dei consumi si concentra soprattutto su alcune tipologie di spesa, che stanno sopportando l’intero onere dell’emergenza sanitaria. Il raggiungimento di una significativa soglia di immunità nella popolazione italiana restituirebbe il 30% di spesa delle famiglie al comparto degli alberghi e pubblici esercizi; il 21% di spesa alla ricreazione e cultura e il 17% all’abbigliamento.  Nel frattempo, questi comparti registrano il seguente ridimensionamento sul Pil: dal 6,2 al 4,4% per alberghi e pubblici esercizi; dal 4,2 al 3,3% per la ricreazione e cultura e dal 3,7 al 3% per l’abbigliamento; dinamiche che evidenziano chiaramente l’attuale impossibilità dei consumi interni di spingere la crescita dell’economia italiana».

Senza normalizzazione dei consumi interni il Pil non tornerà a crescere

«I consumi contribuiscono al 60% del nostro Pil. Non è dunque possibile sperare in una ripresa dell’economia italiana fintanto che tale vuoto di spesa non venga riassorbito», commenta la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise. «Il Governo confida in un aumento dei consumi del 4%, per raggiungere un incremento di Pil del 6% nel 2021. Al momento questo obiettivo sembra fuori portata e solo un’ampia copertura vaccinale potrebbe consentire di raggiungerlo. Per questo riteniamo opportuno e necessario il pressing dell’Esecutivo per velocizzare le vaccinazioni, che devono procedere in modo spedito e omogeneo in tutte le regioni del Paese, senza lasciare indietro nessuno. Senza una normalizzazione dei consumi interni il Pil non tornerà a crescere e la completa normalizzazione è possibile solo con i vaccini».

Redazione Mondo Business
RICHIEDI
LA TUA COPIA
GRATUITA
RICEVILA ADESSO