PRIMO PIANO
venerdì 22 Gennaio 2021
Il nuovo piano strategico per l’innovazione della Lombardia
«Vogliamo costruire una Lombardia sempre più digitale, votata all’innovazione», spiega l’assessore regionale, Fabrizio Sala. Si punta su digitale, sostenibilità e capitale umano, con un occhio di riguardo per le Pmi, che in quanto tali possono contare su meno risorse per gli investimenti
Fabrizio Sala

Un documento di Regione Lombardia elenca gli obiettivi della Strategia di specializzazione intelligente (S3) 2021-2017, mettendo nero su bianco le priorità degli investimenti in ricerca e innovazione nei prossimi sette anni, grazie ai fondi europei. Tra i principali obiettivi: intensificare l’approccio dell’Open innovation e della ricerca e innovazione responsabile, così da rafforzare il sistema digitale e renderlo più flessibile; investire in progetti strategici di sviluppo industriale, nello sviluppo sostenibile e nello sviluppo di infrastrutture e tecnologie come il cloud computing; promuovere dottorati industriali. Infine, l’intenzione è quella di facilitare la nascita di hub tecnologici riguardanti tematiche strategiche: digitale, mobilità sostenibile, salute, economia circolare. Le aziende più piccole potranno contare su un sostegno maggiore, considerate le loro difficoltà a investire nelle tecnologie Ict, e su azioni per agevolare l’internazionalizzazione e l’attrattività.

Una Lombardia capace di adattarsi rapidamente ai cambiamenti

«Vogliamo costruire una Lombardia sempre più digitale, votata all’innovazione e alla sostenibilità e capace di adattarsi rapidamente ai cambiamenti», commenta l’assessore regionale all’Innovazione, Fabrizio Sala, che di questo documento sulla strategia è il promotore. «Soprattutto, quelli dovuti a processi radicali di trasformazione tecnologica, ma anche quelli dettati da eventi improvvisi, come la pandemia da Covid 19». Un fattore chiave sarà, in particolare, l’investimento sul capitale umano. «Regione Lombardia», prosegue Sala, «intende formare e mantenere i talenti del futuro puntando sull’educazione inclusiva, lo sviluppo della formazione tecnica superiore e contrastando la dispersione scolastica, con la consapevolezza che occorrono nuove esigenze formative, come lo sviluppo dei green job e delle competenze digitali». L’assessore Sala ha aggiunto di aver coinvolto imprese, cittadini, centri di ricerca e università, per elaborare insieme le priorità per i prossimi anni.

Redazione Mondo Business
RICHIEDI
LA TUA COPIA
GRATUITA
RICEVILA ADESSO