PRIMO PIANO
martedì 3 Dicembre 2019
Il nuovo Mondo Business si presenta al territorio
Ospite d’onore della serata il giornalista Beppe Severgnini, che ha fornito alcuni spunti utili per saper comunicare nel mondo di oggi

Ieri sera, nella suggestiva cornice di Relais Convento, a Persico Dosimo, Mondo Business si è ufficialmente presentato al pubblico. Gli editori del nostro giornale, l’Associazione Industriali di Cremona, CNA Cremona e Libera Associazione Artigiani di Crema, hanno organizzato per l’occasione un apericena a cui hanno preso parte un centinaio di convenuti da tutto il territorio provinciale, tra cui, molto gradita, anche la presenza dei direttori de La Provincia, Marco Bencivenga, e di Mondo Padano, Alessandro Rossi. Ospite d’eccezione e mattatore della serata, il famoso giornalista del Corriere della Sera, Beppe Severgnini, che in un’intervista col nostro collaboratore, Giovanni Bassi, ha tenuto una vera e propria lezione di comunicazione, dispensando preziosi consigli in pillole, adatti tanto ai colleghi quanto a ogni professionista e imprenditore che, nel mondo di oggi, non può permettersi di prescindere dai più moderni mezzi di comunicazione. Ma, prima dell’intervento di Severgnini, c’è stato spazio per i protagonisti dell’avventura editoriale che ha arricchito il progetto Mondo Business di una nuova veste grafica per quanto riguarda il mensile cartaceo; di un nuovo sito web e di due pagine social, rispettivamente su Facebook e Linkedin. Stiamo parlando dei presidenti delle tre associazioni e di Massimiliano Nanì, brand coach e CEO di BitDesign Srl, ideatore del restyling di Mondo Business, che ha illustrato ai presenti le novità editoriali relative al magazine.

Le tre associazioni del territorio che hanno dato vita a Mondo Business

«Vent’anni fa nasceva questa rivista», ha esordito il presidente degli Industriali, Francesco Buzzella, «grazie a tre associazioni che avevano e hanno tuttora a cuore la cultura di impresa e i valori del mondo imprenditoriale. Oggi, non meno degli esordi, c’è bisogno di diffondere cultura d’impresa, perché purtroppo nel nostro Paese ci si scontra spesso con la sua mancanza. Per questo, sebbene oggi Mondo Business si rinnovi, non cambiano di certo i suoi valori fondanti e il suo obiettivo, quello di dar voce alle istanze del settore produttivo».

«Mi unisco con orgoglio a questa presentazione della nostra iniziativa imprenditoriale», ha aggiunto il presidente della Libera Artigiani, Marco Bressanelli. «Ci sono storie che, per raccontarle, occorrerebbero dei veri romanzi: sono le storie delle nostre imprese, che nonostante tutto hanno reso il nostro Paese uno dei più sviluppati del mondo. Sono queste storie che, nel corso degli ultimi vent’anni, abbiamo raccontato attraverso Mondo Business. Non so che cosa succederà in futuro, ma mi auguro ci sarà sempre un imprenditore con una buona idea da sviluppare e il nostro giornale a poterla raccontare».

«Tre associazioni di categoria si sono unite per avere un’unica voce di fronte al nostro territorio», ha concluso Giovanni Bozzini, presidente della CNA Cremona, «e questa non è una cosa di poco conto, ma uno dei valori aggiunti del nostro magazine. La provincia di Cremona conta sedici associazioni di categoria e non è sempre facile trovare un accordo. In questo caso è stato diverso. Peraltro, si tratta di un prodotto editoriale che si finanzia da solo, potendo quindi esprimere liberamente la propria opinione. È un risultato importante, anche perché ci consente di far sentire la voce dell’imprenditoria alla politica locale».

«Siate atleti mentali: imparate a usare ogni tipo di linguaggio e leggete libri»

È quindi toccato a Severgnini entrare nel vivo della serata, in un gradevolissimo scambio di idee con Bassi, fatto di amarcord (i due sono amici da tempo e hanno mosso insieme, a Crema, i primi passi nella professione); di riferimenti all’amata Inter e di consigli, come si diceva, relativi alla comunicazione nella società interconnessa di oggi. Questi, di fatto, i suggerimenti di Severgnini: imparare a parlare in pubblico, qualsiasi sia la professione esercitata; non cadere nel ridicolo, a motivo di un uso troppo disinvolto dei social network; imparare a utilizzare diversi mezzi e quindi diversi linguaggi; leggere almeno un libro ogni mese e usare la fantasia. «Non c’è bisogno di essere professionisti per fare comunicazione in modo efficace», ha incoraggiato Severgnini. «Non rifiutate a priori i social, le formule brevi, ma neppure il fatto che una relazione più lunga possa, un domani, essere ampliata e dar vita a un libro. Cercate di diventare “atleti mentali”, sapendo “correre tutte le distanze possibili”. Anche per questo leggere un libro ogni tanto è molto importante, non ne avete idea, perché ci obbliga all’esercizio mentale di capire quali sono i messaggi chiave; per capire qualcosa in più di noi stessi».

 

LE FOTO
  • Il pubblico in sala
  • Giovanni Bassi e Beppe Severgnini
  • Massimiliano Nanì
  • Giovanni Bozzini
  • Marco Bressanelli
  • Francesco Buzzella
Gionata Agisti
Di Gionata Agisti
RICHIEDI LA TUA
COPIA GRATUITA
RICEVILA ADESSO