PRIMO PIANO
mercoledì 1 Luglio 2020
Gli artigiani e la crisi, tra speranze e delusioni
Il presidente della Libera Associazione Artigiani di Crema, Marco Bressanelli, fa il punto sullo stato dell'arte, chiedendo chiarezza nei provvedimenti adottati dal Governo e tempi di attuazione rapidi
Marco Bressanelli

Le misure decise dal Governo negli ultimi mesi, per far fronte all’emergenza economica, sono state contrassegnate da lentezze e freni burocratici. Qual è la situazione nel mondo artigiano?

«Ci sono parecchi dipendenti dei nostri artigiani che non hanno ancora ricevuto la cassa integrazione e più di qualche imprenditore ha provveduto ad anticiparla. Al di là di questo aspetto, però, il problema è più generale: è mai possibile che in Italia debbano esserci sempre cittadini di serie A e di serie B? Mi riferisco, per esempio, alle differenze tra lavoratori dipendenti e autonomi, ma anche a quelle tra industriali e artigiani. È ora di procedere a un’equiparazione tra le diverse misure decise a livello governativo».

A questo proposito, non trova che influisca molto la frammentazione delle categorie artigiane, rispetto alla compattezza di cui dà prova la rappresentanza industriale?

«Sono d’accordo e, in questo senso, il fallimento di Rete imprese Italia è sotto gli occhi di tutti. Nata con l’ambizione di dare un’unica voce al mondo artigiano e al commercio, si è rivelata invece una delle tante incompiute. Non che l’aspirazione sia venuta meno, ma è difficile superare la voglia di protagonismo di qualcuno. Intendiamoci: la diversità delle voci è una ricchezza, ma almeno in sede di vertici istituzionali sarebbe necessaria una voce sola. Forse soltanto in una situazione eccezionale, come quella di oggi, si può cambiare mentalità. Che sia la volta buona?».

L’artigianato ha salutato con entusiasmo un provvedimento come quello del super ecobonus del 110%, ma è notizia di questi giorni che anche questo strumento potrebbe subire un ritardo, diventando operativo solo il prossimo settembre, in attesa dei relativi decreti attuativi.

«Sarebbe sbagliatissimo. Si darebbe ancora una volta il messaggio che ai tanti annunci e proclami non segue poi nulla di concreto. In questo modo, l’attività imprenditoriale è resa precaria dall’incertezza normativa, mentre noi della Libera Artigiani chiediamo da sempre una cosa molto semplice: regole certe nel medio periodo. Non è nemmeno questione di un singolo Governo, perché il problema riguarda il sistema Paese. Perfino per far fronte a un’emergenza come quella sanitaria il lavoro delle imprese è stato sovraccaricato di ulteriori adempimenti in materia di sicurezza, con la conseguenza di complicare, non certo semplificare l’attività».

A proposito di semplificazioni, il nuovo decreto legge, atteso per metà luglio, si pone proprio l’obiettivo di snellire molte procedure e favorire così la ripartenza economica. Le prime bozze che stanno circolando la convincono?

«La semplificazione è come l’Araba Fenice: “Che ci sia ognun lo dice; dove sia nessun lo sa”. Citazioni a parte, di semplificazioni se ne parla da anni, ma non si sono mai viste. Basta considerare il codice degli appalti, che ora, forse, verrà finalmente semplificato: ormai nessuno può più piantare un albero, non dico realizzare un ponte, a causa della mole di permessi che occorrono».

Per non parlare del fisco, che tra le semplificazioni è una delle più attese.

«In questo ambito, più che di semplificazione bisognerebbe parlare di equità. È inutile continuare a parlare di evasione fiscale, quando il Governo ammette che ci sono 3,5 milioni di lavoratori in nero a cui si deve erogare un’indennità. Anche la lotta al contante mi sembra più una “caccia alle streghe”, soprattutto perché altri Paesi dell’Unione europea non prevedono tetti in merito. Dunque un provvedimento di questo tipo dovrebbe essere affrontato a livello comunitario, altrimenti è inutile. Perché, invece di limitare il contante, non si intavola piuttosto una riflessione sulla possibilità di detrarre le spese sostenute? Anche questa è una richiesta avanzata da tempo e rimasta inascoltata».

Gionata Agisti
Di Gionata Agisti
TAG
Libera Associazione Artigiani
Marco Bressanelli
RICHIEDI LA TUA
COPIA GRATUITA
RICEVILA ADESSO