PRIMO PIANO
giovedì 23 Luglio 2020
Aumentare gli affari ai tempi del Covid
La Denti Logistica è una di quelle aziende che non hanno risentito del coronavirus. Non ha dovuto mettere in cassa integrazione i propri dipendenti e guarda all’autunno senza preoccupazioni

Segnali positivi non mancano mai, nemmeno nei tempi bui delle crisi più preoccupanti. Ci sono aziende, infatti, che non solo non hanno mai sospeso l’attività, perfino nei lunghi mesi di lockdown, ma che possono guardare al prossimo autunno con ragionevole ottimismo. Una di queste aziende è la Denti Logistica di Campagnola Cremasca, associata alla Libera Associazione Artigiani di Crema. Nel frangente più difficile dell’emergenza sanitaria, la Denti Logistica ha continuato i suoi viaggi per rifornire clienti di settori fondamentali, dalla grande distribuzione, con materiale igienico-sanitario, ai produttori dei comparti farmaceutico e alimentare. Non solo: all’inizio dell’anno, la Denti Logistica aveva anche ampliato il suo business grazie alla partnership con la Progim di Silvano Molteni, impresa cremasca specializzata nella gestione e nei servizi di programmi di identificazione e di cambio immagine.

In cosa consiste la collaborazione con la Progim?

«Il nostro obiettivo era quello di crescere», ci spiega Iennis Denti, titolare della Denti Logistica, «e quello della Progim di trovare un collaboratore affidabile. Dal momento che, a partire dal 2013, alla nostra attività di autotrasportatori abbiamo aggiunto un reparto di logistica, per il deposito e lo smistamento della merce dei propri clienti, la Progim, che era in cerca un nuovo partner in quel comparto, si è messa in contatto con noi. Dopo qualche viaggio di prova, abbiamo firmato un contratto a inizio 2020. Poi, è subentrato il Covid, con tutte le conseguenze che sappiamo, ma ora siamo ripartiti alla grande e stiamo lavorando davvero bene; in questo momento, siamo impegnati soprattutto al Sud, dove la Progim ha una serie di clienti».

Il Covid ha reso necessaria una riorganizzazione della vostra attività?

«Sì, abbiamo modificato molto la nostra organizzazione, ma il lavoro non solo non è mai venuto meno, anzi è perfino aumentato. Sono cambiate le abitudini, ovviamente in termini di dispositivi di protezione individuali e di sanificazione dei mezzi, però, grazie al grande senso di responsabilità del nostro personale, siamo riusciti a trovare il giusto ritmo e a procedere senza intoppi».

Ci sono molti timori per il prossimo autunno. Anche lei è preoccupato?

«Non ho particolari preoccupazioni, no. Abbiamo già diverso lavoro in programma per quel periodo. Siamo anche orgogliosi del fatto che in questi mesi non abbiamo dovuto chiedere la cassa integrazione per nessuno dei nostri dipendenti. Al contrario, stiamo investendo in quattro nuovi mezzi, così da portare gradualmente tutta la nostra flotta verso l’Euro 6. Inoltre, stiamo anche per trasferire la nostra sede, sempre nel territorio cremasco, dove avremo a disposizione maggiore spazio. Tutto questo ci rende fiduciosi per il prossimo futuro; speriamo di non essere smentiti».

 

Redazione Mondo Business
TAG
Libera Associazione Artigiani
Progim Sign
Silvano Molteni
RICHIEDI LA TUA
COPIA GRATUITA
RICEVILA ADESSO