PRIMO PIANO
la polemica
martedì 6 Luglio 2021
Autostrada Cremona-Mantova, M5S: «È l’Alitalia lombarda»
Autostrada Cremona-Mantova, botta e risposta in Regione Lombardia. Degli Angeli (M5S): «Vent’anni di promesse e 25 milioni spesi per zero chilometri realizzati. Basta mentire ai cittadini e si convochi al più presto un tavolo con Anas».
Marco Degli Angeli

I consiglieri regionali lombardi del M5S, Marco Degli Angeli e Andrea Fiasconaro, hanno presentato oggi un’interrogazione alla Giunta di Regione Lombardia. «Dopo vent’anni di promesse, milioni di euro spesi e zero chilometri finora realizzati, l’autostrada Cremona-Mantova arriva a palazzo Pirelli. Il nostro obiettivo», commenta Degli Angeli, «è stato quello di comprendere quali possano essere gli scenari ipotizzati da Regione Lombardia, dopo l’ultima notizia emerse la scorsa settimana, circa l’intenzione di comprare il progetto dalla concessionaria Stradivaria tramite 25 milioni di euro dei cittadini lombardi».

«La più completa inerzia riguardo a soluzioni alternative»

La risposta fornita in aula dal sottosegretario, Marco Alparone, non è piaciuta al consigliere Degli Angeli, che ritiene si tratti dell’ennesima presa in giro nei confronti della cittadinanza. «I cittadini non hanno ancora nessuna risposta certa, se non un insieme di possibilità aleatorie. L’unica certezza è quella dell’ennesima presa in giro, perché oltre alle promesse e agli annunci altisonanti c’è il nulla e la più completa inerzia riguardo a soluzioni alternative, come la SS10, la cui riqualificazione, secondo il sottosegretario, non sarebbe sbrigativa tanto quanto l’autostrada».

«Gli effetti di questa impasse sono le aziende agricole danneggiate»

Un’affermazione poco sensata, per il consigliere Degli Angeli: «La Cremona-Mantova si è rivelata la nostra Alitalia o il nostro ponte sullo Stretto e l’ unica certezza è quella che  i cittadini pagheranno sull’unghia 25 milioni per un progetto col “buco” in mezzo (il tratto autostradale della TiBre), senza tempistiche, senza certezze e senza programmazioni». Conclude Degli Angeli: «Gli effetti di questa impasse sono le aziende agricole danneggiate e  gli imprenditori bloccati, nonché i pendolari in coda. In tal senso sono a chiedere che venga convocato al più presto un tavolo con l’Anas, così da poter valutare in modo concreto ed efficace le alternative possibili».

Redazione Mondo Business
RICHIEDI
LA TUA COPIA
GRATUITA
RICEVILA ADESSO